Intervista all’Avv. Fabio Gaudino

Diritto24, portale de “Il Sole 24 Ore” dedicato all’informazione giuridica, ha pubblicato un articolo dell’avvocato Fabio Gaudino, collaboratore dello Studio Legale Lombardo, per la rubrica “Responsabilità medica”.

L’articolo tratta il danno da perdita del rapporto parentale e le sue implicazioni nell’ambito della responsabilità medica.

logo_diritto24

Il danno da perdita del rapporto parentale consiste nella privazione di un valore non economico ma personale, costituito dalla irreversibile perdita del godimento del congiunto, dalla definitiva preclusione delle reciproche relazioni interpersonali.
Il danno da perdita del rapporto parentale va al di là del crudo dolore che la morte in sé di una persona cara, tanto più se preceduta da agonia, provoca nei confronti dei prossimi congiunti che le sopravvivono, concretandosi piuttosto esso nel vuoto costituito dal non potere più godere della presenza e del rapporto con chi è venuto meno e perciò nell’irrimediabile distruzione di un sistema di vita basato sull’affettività, sulla condivisione, sulla rassicurante quotidianità dei rapporti tra moglie e marito, tra genitore e figlio, tra fratello e fratello, nel non poter più fare ciò che per anni si è fatto, nonché nell’alterazione che una scomparsa del genere inevitabilmente produce anche nelle relazioni tra i superstiti.

Continua su Diritto24

Se hai bisogno di una consulenza in materia di Responsabilità Medica CONTATTACI

1 commento su “Intervista all’Avv. Fabio Gaudino”

  1. Pingback: Perdita del rapporto parentale: quando sussiste il diritto al risarcimento del danno. - Studio Legale Lombardo

I commenti sono chiusi.